polo mediterraneo - ecampus - corso scienze pedagogiche

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE
LM85 - SCIENZE PEDAGOGICHE

INDIRIZZI:
- Pedagogia e scienze umane
- Pedagogista della marginalità e della disabilità


Il Corso di Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche completa il Corso di Laurea triennale in Scienze dell'Educazione e della Formazione, rispondendo alla domanda formativa degli studenti che seguono con interesse il Corso di Studi di Primo livello.

Il Corso si sviluppa secondo la necessaria gradualità dell'apprendimento; si permette dunque, attraverso l'acquisizione di nuovi saperi, il conseguimento di una metodologia che autorizza l'applicazione di quanto appreso criticamente a situazioni e contesti definiti ed eterogenei.

In questo modo, la trasversalità delle discipline programmate rivela tutta la sua fecondità ed autorizza in itinere e conclusivamente a consone modalità di valutazione.

Il corso, nel suo sviluppo, prevede un'efficace mediazione tra i saperi disciplinari che trovano una concreta finalità ed obiettivi conformi al possesso di conoscenze e competenze spendibili nel mercato lavorativo e relazionale a seconda degli anni di Corso.

Il corso, biennale, si articola in due curricola: Pedagogia e scienze umane e Pedagogia della disabilità e marginalità.

Pedagogia e scienze umane

Il curriculum intende formare figure professionali operanti nell'ambito della consulenza e ricerca educativa, della pianificazione e gestione di interventi presso istituzioni scolastiche e all'interno di servizi educativo-formativi erogati da enti pubblici o privati.

I pedagogisti così formati saranno specializzati nell'analisi e progettazione di interventi educativi in relazione all'ambiente e al tessuto sociale nel quale i destinatari dell'intervento educativo sono inseriti.

Potranno altresì svolgere la funzione di coordinatore di servizi educativi o equipe professionali, attività educative extrascolastiche o dopo-scuola, di docente presso la scuola superiore, di pedagogista presso studi professionali privati, o di consulente di orientamento per percorsi individuali o collettivi.

Il curriculum è strutturato nel seguente modo: il primo anno prevede sei insegnamenti di cui quattro di natura pedagogica tendenti a soddisfare sia esigenze di carattere didattico operativo, sia conoscitivo-formativo; uno di carattere storico volto a definire l'evoluzione sociale ed uno appartenente all'area psicologica caratterizzata da un'elevata analisi dei contesti scolastici.

Il curriculum prevede inoltre un insegnamento a scelta dello studente.

Il secondo anno si sviluppa attraverso tre insegnamenti di base tra cui uno di carattere filosofico incentrato sulla logica proposizionale e sulla epistemologia in relazione alle scienze pedagogiche; uno sulle conoscenze di natura giuridico inerente le normative che vigilano all'interno della scuola ed uno volto a relazionare e comparare i sistemi sociali più rilevanti.

Inoltre, il piano di studio prevede un ulteriore esame a scelta dello studente, il tirocinio e la prova finale.

Pedagogia della disabilità e della marginalità̀

Il curriculum ha l'obiettivo di formare pedagogisti dedicati alla progettazione di interventi educativi rivolti a persone con disabilità fisica, mentale e sensoriale oppure rivolti a persone che necessitano maggiori attenzioni a causa di condizioni di marginalità personali difficili o preoccupanti.

Potranno occuparsi della progettazione educativa individualizzata volta all'inclusione di persone con disabilità in prospettiva evolutiva attivando percorsi multidisciplinari di aiuto e relazione a sostegno di tutti gli attori coinvolti.

Potranno altresì occuparsi del coordinamento di centri per l'accoglienza, l'ospitalità e l'educazione presso istituzioni o comunità di recupero o servizi affini, collaborando con professionisti dell'area sanitaria nelle attività di diagnosi, prevenzione o trattamento di persone che presentano una condizione di disabilità o versano in condizioni di disagio o marginalità.

Il curriculum si differenza dal precedente prevedendo al primo anno sette insegnamenti di cui uno specifico nell'ambito della pedagogia speciale; uno di carattere storico-pedagogico volto ad approfondire l'evoluzione della pedagogia speciale; uno di natura psicologica atto ad esaminare le tematiche inerenti al funzionamento del gruppo e della vita di comunità, e di intervento sulla marginalità.

Il secondo anno prevede un insegnamento mirato all'approfondimento degli strumenti pedagogici nell'ambito della didattica speciale.

Il piano di studio prevede un ulteriore esame a scelta dello studente - tra cui l'approfondimento di tematiche inerenti alla disabilità e marginalità - il tirocinio e la prova finale.